IMG_0070

Direttori d’escursione: una “fatica” ma con passione! (Escursione sezionale ai Denti della Vecchia)

posted by Sergio Baratto on maggio 20, 2018

Direttori d’escursione.
Chi sono coloro? Volontari – votati al “sacrificio” – che in nome e per conto del CAI Cusano propongono, organizzano, esplorano, gestiscono una escursione.
Di cosa si preoccupano? Di tante cose. Ma soprattutto che l’escursione sia condotta in piena sicurezza; che sia bella, che lasci soddisfatti i partecipanti, che economicamente risulti in pareggio (entrate=uscite …. o giù di lì)
Per fare questo gestiscono molte variabili. La maggior parte di queste come la scelta del percorso, l’individuazione della logistica di accesso, la scelta di eventuali vie di fuga, la selezione dei partecipanti (1) sono sotto il loro pieno controllo poiché possono determinarle ed eventualmente cambiarle. Una sola variabile – la meteorologia – è assolutamente incontrollabile ed anche la sua conoscenza è probabilistica ed approssimata.
Ma veniamo al dunque. Il 20 Maggio è prevista l’escursione ai Denti della Vecchia sopra Lugano.
Siamo ai giorni immediatamente precedenti. Ormai il percorso è stato stabilito, è stato effettuato il sopralluogo, le vie di accesso sono state individuate, le quote di partecipazione definite ed il bus è stato prenotato. Cosa succede? Si incomincia a valutare ed analizzare la benedetta variabile che non possono modificare. Ma il non poter modificare lo stato delle cose impone di prepararsi al meglio prevedendo cosa potrà succedere e, di conseguenza, affrontare agli eventi nella dovuta maniera. Tutto ciò sapendo che le previsioni meteo sono determinate mediante analisi statistiche di fenomeni stocastici e per questo sono affette da un certo margine di errore; altrimenti invece che previsioni le avrebbero chiamate certezze!!
Prima sbirciatina alle previsioni il martedì precedente l’escursione. Manca ancora troppo tempo per poterle tenere in seria considerazione ma se buone possono servire a fare morale. Sembrerebbero bruttine al Sabato (chissene…..) e meglio la Domenica. Una tenue luce di speranza si accende.
Arriva Mercoledì ed una possibile partecipante chiede informazioni sull’escursione però ha qualche dubbio sul meteo.
Riverifichiamo. In effetti c’è stato un piccolo cambiamento. Adesso sembrerebbero meglio al Sabato (richissene……) e peggio la Domenica. Niente di drammatico poiché i volumi di precipitazione previsti non sono alti (0,2-0,4 l/mq) però questa virata al peggio lascia comunque un pò così. La tenue luce di speranza si affievolisce. Intanto le iscrizioni procedono a gonfie vele e viene saturata la capienza del pullman.
È venerdì. I volumi di pioggia previsti sono aumentati sensibilmente. Adesso, in alcune fasce della giornata, è prevista la caduta di 1 l/mq di pioggia.
Ma ora non si può più cincischiare, adesso è tempo di decidere. Sappiamo che non è bello fare un’escursione sotto la pioggia battente, che in siffatte condizioni la sicurezza peggiora sensibilmente, che in caso di annullamento bisogna disdire il pullman ed avvisare tutti gli iscritti. La situazione è controversa, ci dispiacerebbe annullare la gita ma ci dispiacerebbe anche portare le persone a prendere un mare di acqua.
Allora analizziamo minuziosamente le previsioni. Tralasciamo le immagini grafiche – che ne aumentano l’approssimazione – e leggiamo attentamente le previsioni testuali. Il mare di pessimismo indotto dalle iconcine con nuvole e pioggia lascia spazio ad un caut(issim)o ottimismo quando cliccando sulle stesse si legge: in prima mattinata “pioggia o rovesci deboli con temporanei rasserenamenti” poi nel prosieguo della giornata “pioviggine intermittente con temporanei rasserenamenti” (NDR: per fortuna nelle previsioni meteo – diversamente dalla politica – i concetti e le parole hanno un senso preciso e definito!! A tal proposito si suggerisce http://www.meteo.it/wikimeteo/glossario/ per comprendere al meglio la terminologia utilizzata nelle previsioni)
Invocando gli dei del meteo ed utilizzando tutti i riti atropopaici conosciuti auspichiamo che la pioviggine da intermittente si trasformi in sporadica ed i rasserenamenti da temporanei ad ampi.
Però al di là di tutto questo stimiamo che si può fare con un rischio bassissimo di “annegare” o, se vogliamo dirla in maniera diversa, con una probabilità altissima di “non annegare”. Qualche iscritto ci chiede apertamente se, nonostante il meteo, l’escursione si farà ugualmente. Qualcuno – più timidamente – la prende alla larga ma si percepisce che non sarebbe affatto dispiaciuto di sentirsi rispondere “escursione annullata causa meteo”. Noi moderatamente fiduciosi rispondiamo a tutti che l’escursione è confermata. Però nutriamo il dubbio che alla fine tutti gli iscritti si possano presentare al ritrovo. La nostra preoccupazione risulta infondata quando al mattino i magnifici 30 sono tutti al solito posto di ritrovo.
Saliti sul pullman, poco dopo inizia a piovere, siamo ancora lontani dalla zona d’interesse però questo non migliora l’umore.
Arrivati a Cimadera pioviggina come da previsione. Zaini in spalla ci incamminiamo, qualcuno ha indossato la mantellina e qualcun altro ha aperto l’ombrello. Passano una ventina di minuti e mantelle ed ombrelli ritornano negli zaini e non saranno più utilizzati durante la giornata. Che, ad onor del vero bisogna dirlo, non è una splendida giornata di sole ma, per come erano state percepite le previsioni, appare bellissima.
Ed in effetti è B-E-L-L-I-S-S-I-M-A poiché illuminata dalla luce irradiata da uno splendido gruppo di “amMALiATI di montagna”!!!

Raffaele

20 Maggio 2018

P.S. Abbiamo raccontato gli aspetti di contorno tralasciando il racconto dell’escursione stessa. Però vogliamo consigliare vivamente a chi legge di programmare qualche camminata in questa zona. L’area può essere raggiunta dalla Svizzera (Val Colla) o dall’Italia (Valsolda). Oltre che ai Denti della Vecchia possono essere programmate escursioni verso la Cima di Foiorina o, proseguendo con una bella cavalcata in cresta fino al Rifugio San Lucio. Insomma c’è tanto da fare e tanto da vedere!!

Nota 1: rientra tra le sue prerogative il fatto che potrebbe impedire la partecipazione di chi eventualmente non fosse ritenuto idoneo sia per forma fisica che per attrezzature

 

Sasso Palazzo Panoramica 3 IMG_0104 IMG_0099 IMG_0092 IMG_0090 IMG_0089 IMG_0086 IMG_0077 IMG_0075 IMG_0074 IMG_0073 IMG_0072 IMG_0071 IMG_0070 IMG_0050 IMG_0041 IMG_0040 IMG_0036 IMG_0034 IMG_0032 IMG_0027 IMG_0025 IMG_0018

Categoria: escursionismo, Tags:

Mailing list

Nome e cognome

Numero di telefono (facoltativo)

La tua email

Desideri rimanere aggiornato sulle attività organizzate dal CAI? Inviaci il tuo indirizzo email e ti inseriremo nella nostra mailing list.

Ultime Notizie

Contatti

Sede:
Palazzo delle associazioni - via Zucchi 1,
20095 Cusano Milanino (MI)

Orari di apertura:
Martedì e Venerdì dalle 21.:00 alle 23:00

Telefono:
02 66401206

Mail:
caicusano@tiscali.it