IMG_5344

Grignetta “montagna che sei bella e sei crudele”

posted by Gabriele Marazzini on giugno 4, 2017

Torniamo in Grignetta per percorrere l’anello Direttissima, sentiero Cecilia, cresta Sinigaglia. L’intinerario ideale per scoprire da vicino l’anima della Grignetta, con la sua roccia fatta di guglie, torri, pareti dalle forme più insolite ed ardite ed il suo vuoto fatto di canaloni, ripidi scivoli, prati quasi verticali, il tutto distribuito in modo da creare un ambiente unico, affascinante ma per niente accogliente, quasi repulsivo. Infatti è questo lo stato d’animo degli escursionisti come me: ci sentiamo attratti da questa montagna seducente, che però allo stesso tempo ci incute un po’ di timore, ci fa sentire inadeguati, fuori posto, come se per andare lecitamente in Grigna si dovessero sfoggiare doti alpinistiche non comuni. A ben guardare però l’inadeguatezza di fronte a qualcosa di immenso è lo stato d’animo di molte delle mie escursioni, quando non sono semplici passeggiate. Quindi, in fondo, niente di nuovo. Però qui è tutto molto è più netto e chiaro. E il percorso di oggi è proprio quello che ti mette alla prova: non è necessario essere alpinisti, ma non è neanche sufficiente essere buoni escursionisti. Bisogna aver sviluppato quel minimo di confidenza con la roccia e con il vuoto che (almeno per me così è stato) ho potuto coltivare in tanti anni di frequentazione discreta e rispettosa delle montagne in tante condizioni diverse.

Oggi però mi colpiscono in modo particolare i nomi di donna: Giulia, Rosalba, Cecilia, Angelina, Teresita, Maria. Non ci avevo mai fatto caso, ma una tale concentrazione non è comune. Allora la Grignetta appare quasi un’amica gentile, che ti invita, non che ti respinge. Il fratellone alle sue spalle, il Grignone, arcigno e lontano da raggiungere, è decisamente un maschiaccio. Ma allora com’è la storia della montagna crudele “che tira una freccia in fronte” a chi le si avvicina? Tornato a casa, cerco in rete quella canzone che da ragazzo tante volte si cantava e che oggi neanche ricordo più. Eccola, “La leggenda della Grigna”: ci racconta di una “guerriera bella e senza amore” che uccide deliberatamente i suoi ammiratori (quante lapidi sulle sue guglie e sulle sue pareti!) e per punizione viene trasformata nella Grigna “ripida e ferrigna” mentre il suo fido scudiero, che per lei ha ucciso, diventa la Grignetta. Allora, ruoli invertiti? Chi lo sa! Non ci resta che continuare ad assecondare con rispetto e discrezione il fascino che subiamo: “noi pur t’amiamo montagna che sei bella e sei crudele”.

Gabriele con Daniela, Nicole, Raffaella, Sergio, Filippo, Cisco, Silvio e Raffaele

28 maggio 2017

 

IMG_5261 IMG_5294 IMG_5291 IMG_5288 IMG_5285 IMG_5284 IMG_5283 IMG_5281 IMG_5275 IMG_5272 IMG_5268 IMG_5262 IMG_5298IMG_5299IMG_5302IMG_5304IMG_5306IMG_5308IMG_5309IMG_5312IMG_5313IMG_5318IMG_5319IMG_5323IMG_5330IMG_5331IMG_5332IMG_5334IMG_5337IMG_5340IMG_5341IMG_5344IMG_5350IMG_5354IMG_5357IMG_5358IMG_5360IMG_5365IMG_5368IMG_5371

Categoria: escursionismo, escursionismo e via ferrata, Tags:

Mailing list

Nome e cognome

Numero di telefono (facoltativo)

La tua email

Desideri rimanere aggiornato sulle attività organizzate dal CAI? Inviaci il tuo indirizzo email e ti inseriremo nella nostra mailing list.

Ultime Notizie

Contatti

Sede:
Palazzo delle associazioni - via Zucchi 1,
20095 Cusano Milanino (MI)

Orari di apertura:
Martedì e Venerdì dalle 21.:00 alle 23:00

Telefono:
02 66401206

Mail:
caicusano@tiscali.it