IMG_0714

il Corno di Grevo

posted by Gabriele Marazzini on settembre 6, 2018

Il mostruoso tentacolo che l’Adamello allunga a sud del Monte Fumo, e che divide la Val di Fumo da Val Adamé, è costituito nel suo primo tratto di tonalite; mano mano però che la roccia si abbassa, incontra uno strato invadente di schisto rosso; ma, prima di cedere il campo, si afferma in una dirupata piramide dai fianchi perpendicolari e grigiastri, e che sta come dio termine a vegliare i confini dei due regni. Questa punta è segnata sulle carte Cima o Corno Breguzzo. Però lo Schulz, che, a scanso di equivoci, vorrebbe limitato questo nome al vicino gruppo Cop-Breguzzo, l’ha battezzato Corno di Grevo, dal nome del comune di Grevo, proprietario dei pascoli sottostanti.

Per l’alpinista é una bella cima che attrae lo sguardo per il profilo elegante: è visibile anche dal lago d’Iseo, e fu appunto attraversando il mite Sebino, che mi venne la volontà di salire questa vetta ancora vergine. Il 2 agosto partii dunque da Cedegolo colla guida Cauzzi, ed in ore 2 1/4 ci recammo a Valle (m. 1110, osteria Pasinetti), che è una frazione di Saviore; e poi in altre 3 ore in Valle Adamé, alla malga omonima, ove purtroppo la cordialità degli abitatori non riesce a far dimenticare né l’insufficienza del ricovero, né gli acri effluvi del caseificio.

Il giorno 3, di mattina, muoviamo alla nostra meta, ed in ore 2 1/2 siamo ai piedi della piramide, superando lo scosceso bastione che si eleva dal fondo della valle e che si distende poi in un largo terrazzo sul quale il filo della cresta scende a picco. Il Corno di Grevo dirama in Valle Adamé due contrafforti, dei quali il minore in direzione nord: tra questo e la catena principale vi ha una specie di largo canale finiente alla sommità in due bocchette, impraticabili sul versante di Val di Fumo. Ci dirigiamo alla più meridionale delle due depressioni, e poi per la cresta Est-Nord-Est guadagniamo la cima in tre quarti d’ora di arrampicata per roccia ripida e malsicura. Eretto l’o­metto, per la stessa via facciamo ritorno alla malga.

Questo è il racconto della prima salita del Corno di Grevo, m 2897, effettuata il 3 agosto 1897 da Democrito Prina con Angelo Pasquale Cauzzi, guida di Rino di Sonico, pubblicato sul bollettino CAI del 1902.

Più modestamente noi siamo saliti dalla Val di Fumo, su un comodo sentiero, anche se a tratti ripido, fino al Passo del Forcel Rosso (m 2603), dove troviamo i resti di una cittadella militare. Abbiamo aggirato l’anticima salendo faticosamente sui massi granitici, ci siamo inerpicati su per il ripidissimo canale erboso che porta alla selletta a circa m 2750. Una disarrampicata di 3 m, una cengetta che esce sul lato bresciano e l’ultima parete bella ripida, tutta assicurata da un robusto cavo d’acciaio, ma comunque arrampicabile. Siamo sbucati sotto la cima, dove arriva anche la Ferrata Erminio Arosio che sale dalla Val Adamé lungo la cresta Nord-Ovest. Quando fu realizzata, un paio di decenni fa, sollevò polemiche perché la cresta era un via alpinistica di IV e V molto apprezzata. Poi però fu presa in carico da una sezione CAI  ed ora é una ferrata dura, che richiede capacità alpinistiche in molti passaggi.

Per la cima mancava ancora qualche metro su giganteschi massi spaccati. Andiamo a vedere, ma rinunciamo per la stanchezza (per me certamente, per Armando forse no) e per non fare aspettare troppo gli altri là sotto.

Dalla quasi-cima spettacolari vedute sull’Adamello, che sembra lì a un passo.

Un’altra giornata che ti fa riflettere sulla fatica che a volte costa godere delle meraviglie della montagna: viene il sospetto che non sia solo un prezzo da pagare, ma sia addirittura parte essenziale della meraviglia, quasi non ci sia gusto altrimenti. Chissà!

Gabriele con Armando, Sara, Francesca, Sergio, Andrea.

20 agosto 2018

IMG_0647 IMG_0649 IMG_0651 IMG_0652 IMG_0653 IMG_0657 IMG_0663 IMG_0665 IMG_0666 IMG_0672 IMG_0677 IMG_0679 IMG_0680 IMG_0681 IMG_0683 Corno-di-Grevo-27-ago-2003 dal sito sentieri di montagnaIMG_0690 IMG_0694 IMG_0695 IMG_0697 IMG_0698 IMG_0700 IMG_0702 IMG_0703 IMG_0704 IMG_0708 IMG_0713 IMG_0715 IMG_0719

Categoria: escursionismo, escursionismo e via ferrata, Tags:

Mailing list

Nome e cognome

Numero di telefono (facoltativo)

La tua email

Desideri rimanere aggiornato sulle attività organizzate dal CAI? Inviaci il tuo indirizzo email e ti inseriremo nella nostra mailing list.

Ultime Notizie

Contatti

Sede:
Palazzo delle associazioni - via Zucchi 1,
20095 Cusano Milanino (MI)

Orari di apertura:
Martedì e Venerdì dalle 21.:00 alle 23:00

Telefono:
02 66401206

Mail:
caicusano@tiscali.it